Russia, le news dalla guerra del 20 agosto. Raid di droni ucraini in Crimea

Posted on

 

Nessuna pietà per ucraini’, bufera su diplomatico russo. Attacchi a Kharkiv e Mykolaiv, L’Indonesia conferma: Xi e Putin al G20, Guterres in visita al porto di Odessa. Zaporizhzhia, la Nato chiede ispezione urgente dell’Aiea.

Punti chiave

  • 14:52La denuncia di Mosca: “Attacco con agenti chimici contro le truppe russe”
  • 03:07Esplosioni nella notte a Melitopol e a Kharkiv

22:42

Zelensky: “Temo crudeltà da Russia per festa Indipendenza”

La prossima settimana la Russia potrebbe tentare di fare qualcosa di “particolarmente crudele”. È l’avvertimento lanciato dal presidente, Volodymyr Zelensky, nel suo ultimo videomessaggio, riferendosi a Giorno dell’Indipendenza e al Giorno della Bandiera Nazionale che l’Ucraina celebra la prossima settimana. “Dovremmo essere consapevoli che questa settimana la Russia potrebbe provare a fare qualcosa di particolarmente disgustoso e crudele. Tale è il nostro nemico”.

(ansa) 21:42

Kiev: “Tre esplosioni nella regione di Kherson”

Esplosioni sono state segnalate vicino al villaggio di Chornobaivka, nella regione di Kherson.
Lo ha detto su Facebook Serhii Khlan, membro del consiglio regionale di Kherson, citato dall’agenzia di stampa Ukrinform. Le autorità locali stanno condividendo sui social fotografie e video che mostrano il fumo di almeno tre esplosioni. Ukrinform ricorda che a Chornobaivka, lo scorso 5 agosto, le forze armate ucraine hanno colpito due posti di comando della 76esima divisione d’assalto aereo e della 49esima armata russa.

20:43

007 di Kiev: paracadutisti russi si rifiutano di combattere

I paracadutisti russi si rifiutano di andare a combattere in Ucraina. Lo riferisce la direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraina su Telegram, come riporta Unian. A causa del rifiuto di massa degli ufficiali paracadutisti di partecipare alle operazioni militari sul territorio ucraino, spiegano gli 007 di Kiev, il comando delle forze russe aviotrasportate ha deciso di promuovere al ruolo di ufficiale lavoratori a contratto senza esperienza in operazioni militari. Questi ultimi si stanno però rifiutando di assumere posizioni da comandante di plotone o comandante di battaglione e di partire per l’Ucraina.
L’esercito russo ha, quindi, istituito una “commissione di stato maggiore” i cui  membri “sono stati incaricati di condurre un’indagine su ogni rifiuto e dovranno convincere i comandanti a tornare alle loro unità, promettendo loro benefici sociali e premi governativi”, si legge nel testo su Telegram.

20:07

Mosca: nuovi attacchi ucraini in direzione Zaporizhzhia

Le forze ucraine avrebbero attaccato in direzione della centrale nucleare di Zaporizhzhia utilizzando armi occidentali, secondo quanto riferisce l’amministrazione militare-civile della città di Energodar, come riporta Tass. “I punitori di Kiev hanno aperto il fuoco contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia e la periferia di Energodar”, recita il testo pubblicato sul canale Telegram dell’amministrazione . “Sono stati registrati attacchi di artiglieria sul territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia”. “Secondo i dati ricevuti, per sferrare l’attacco sono state utilizzate armi occidentali a lungo raggio, il fuoco è stato sparato dal lato opposto del Dnepr. I proiettili sono esplosi nelle immediate vicinanze di uno degli edifici amministrativi. Le strutture critiche della centrale non sono state danneggiate”, si legge ancora nel post su Telegram.

Nella centrale atomica, sotto a una pioggia di missili: “Qui rischiamo il disastro”

di Luca Steinmann 19 Agosto 2022 19:08

Ucraina, nave Zumrut Ana diretta a Venezia potrebbe impiegare 6-10 giorni

La nave Zumrut Ana, con 6.300 tonnellate di olio di girasole, che è partita questa mattina dal porto ucraino di Chernomorsk e diretta a Venezia potrebbe, secondo alcune indiscrezioni, impiegare dai 6 ai 10 giorni per arrivare in Italia. La nave, infatti, sta andando a Istanbul per i controlli e dovrà aspettare il via libera prima di dirigersi verso Venezia e consegnare il suo carico alla Cereal Docks. Nei prossimi giorni, secondo quanto si apprende, dovrebbe partire un’altra nave dal porto di Reni in Ucraina, sempre con un carico di olio di girasole, a destinazione di Venezia.

18:11

Media: abitanti russi lasciano Sebastopoli dopo esplosioni in Crimea

Dopo le esplosioni avvertite in mattinata in Crimea, si sono formati ingorghi di diversi chilometri sulle strade da Sebastopoli a Yalta causati dalle auto degli abitanti russi intenzionati a lasciare l’area, riportano i media ucraina che citano diversi video girati da testimoni oculari è pubblicati online. Immagini simili erano state osservate dopo le esplosioni dello scorso 9 agosto all’aeroporto militare di Saki.

17:24

Sventato attentato contro sindaco filorusso di Mariupol

Sventato un attentato contro il sindaco filorusso di Mariupol Konstantin Ivashchenko, che è illeso, rende noto l’agenzia Tass. Le autorità hanno sigillato lo zoo della città, il luogo in cui è avvenuto l’attentato.

17:05

Gentiloni: “Putin può usare l’arma energetica più di quanto abbia fatto finora”

“Fin qui tutto bene: abbiamo buoni livelli di stoccaggio e possiamo guardare all’inverno senza eccessivo pessimismo. Ma non c’è dubbio che Putin può usare l’arma energetica più di quanto abbia fatto finora”. È quanto avverte Paolo Gentiloni, commissario Ue per l’Economia, nella conferenza che segue il suo intervento ufficiale al Meeting di Rimini, con riferimento all’evoluzione della guerra in Ucraina.
Gentiloni ricorda che “c’è un piano di riduzione comune del consumo europeo, stabilito nel 15%, diversificato fra i vari Paesi. È molto importante per le autorità politiche di tutti i Paesi europei fare appello alla parsimonia, per quanto possibile, nei consumi energetici.
Oltre alle politiche di sostegno alle famiglie più vulnerabili da parte dei governi, il risparmio energetico è fondamentale”.

16:28

A Kiev “parata” tank russi distrutti: “Monito a tutti i dittatori”

A pochi giorni dalla Festa dell’Indipendenza, che cade il 24 agosto, al centro di Kiev è stata allestita una “parata” di carri armati russi distrutti, le cui immagini stanno facendo il giro della Rete.
“A febbraio”, scrive su Twitter il ministero della Difesa ucraino postando il video, “i russi pianificavano di marciare al centro di Kiev”. “Sei mesi dopo l’inizio di questa guerra, la vergognosa esposizione di metallo russo arrugginito ricorda a tutti i dittatori come una nazione libera e coraggiosa possa rovinare i loro piani”, conclude il tweet del dicastero.

15:53

Metsola: “Questa è una guerra illegale di uno spietato autocrate. L’Ue deve restare unita. Gli ucraini combattono per libertà e democrazia”

“Viviamo in tempi di incertezze e sfide imprevedibili. Dopo due anni di pandemia le cui conseguenze economiche e sociali sono ancora così presenti nelle nostre vite, Putin ha scatenato una guerra illegale contro l’Ucraina indipendente e sovrana. Le bombe russe hanno ucciso indiscriminatamente, l’esercito russo ha violentato donne ucraine, milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dal loro Paese cercando rifugio in Europa da uno spietato autocrate e, mentre pronuncio queste parole, l’invasione prosegue”. Lo ha detto, la presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, intervenendo, in un videomessaggio, all’incontro ‘Europa e futuro’ al Meeting di Rimini.

“Il mondo dopo il 24 febbraio è molto diverso, senza dubbio più pericoloso. Anche il ruolo della Ue è cambiato con conseguenze significative per i cittadini. La carenza di energia e l’aumento dei prezzi ci mettono a dura prova. Ma in questo momento dobbiamo rimanere ancora più uniti.
Abbiamo bisogno gli uni degli altri: è il modo migliore per superare le sfide che ci attendono. Il nostro futuro è solo insieme”.
“Dobbiamo rispondere con unità e un forte senso di speranza che la cooperazione è unica via, la democrazia deve trionfare sull’autoritarismo”, sostiene dicendo la Ue deve restare un luogo di “speranza e solidarietà che non lasci indietro nessuno”.
“Siamo rimasti uniti perché sappiamo che gli Ucraini non combattono solo per la loro patria ma per preservare i valori alla base del nostro modo di vivere: libertà, democrazia e Stato di diritto”.

 

15:44

Guterres: “Sbloccare export da Russia di alimenti non sanzionati”

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha lanciato un appello per sbloccare le esportazioni di “alimenti e fertilizzanti russi che non sono soggetti a sanzioni”. Lo rende noto un comunicato della Nazioni Unite che cita un discorso di Guterres oggi a Istanbul presso il centro istituito per coordinare le esportazioni di cereali dai porti ucraini che sono iniziate il primo agosto.

“Non dimentichiamoci che quello che vediamo qui a Istanbul e a Odessa è solo la parte più visibile della soluzione. L’altra parte di questo accordo è l’accesso senza impedimenti ai mercati globali di alimenti e fertilizzanti russi che non sono soggetti a sanzioni. È importante che tutti i governi e il settore privato cooperino per portarli sul mercato. Senza fertilizzanti nel 2022, potrebbe non esserci abbastanza cibo nel 2023”, ha affermato Guterres.
“Oltre 650mila tonnellate di grano e di altri prodotti alimentari sono già in viaggio verso i mercati del mondo”, ha aggiunto Guterres in riferimento all’accordo raggiunto a Istanbul tra Turchia, Russia, Ucraina e Nazioni Unite che ha sbloccato le esportazioni di cereali dai porti ucraini.

(reuters) 14:52

La denuncia di Mosca: “Attacco con agenti chimici contro le truppe russe”

Mosca denuncia che l’esercito ucraino ha utilizzato agenti chimici contro le truppe russe nella regione di Zaporizhzhia. Il ministero della Difesa, citato da Interfax e Tass, parla di segni di “forte avvelenamento” riscontrati in soldati che sono stati ricoverati in ospedale.
L’agente utilizzato, aggiunge Mosca, sarebbe “la tossina del botulino di tipo B”, secondo quanto riferiscono le agenzie russe.

Il ministero della Difesa russo ha aggiunto che sta preparando il dossier con i risultati dei test effettuati sui soldati ricoverati con segni di grave avvelenamento dopo aver completato la loro missione nella regione di Zaporizhzhia. “Le prove del terrorismo chimico del regime di Kiev saranno presto presentate all’Opac”, l’Organizzazione internazionale per la proibizione delle armi chimiche con sede all’Aia, ha specificato Mosca in una nota.
Denunciando che l’utilizzo di agenti tossici “è stato autorizzato dal regime di Zelensky”.
Un’indagine supplementare è in corso, si aggiunge, per l’avvelenamento del governatore ad interim di Kherson, la regione nel sud dell’Ucraina sotto controllo russo

14:23

Bombe russe su Voznesensk, 9 feriti tra cui 4 bambini

L’esercito russo ha bombardato la città di Voznesensk, nella regione di Mykolaiv, colpendo un edificio residenziale di cinque piani e case private: nove persone sono rimaste ferite, tra cui quattro bambini. Lo riporta Ukrinform citando quanto scritto su Telegram dal capo dell’amministrazione militare regionale, Vitaliy Kim.
Hanna Zamazeyeva, capo del consiglio regionale, ha sottolineato che non ci sono strutture militari e non ce ne sono mai state vicino all’edificio colpito.
“Al momento, due bambini feriti dal bombardamento sono stati operati d’urgenza sul posto, a Voznesensk. Il terzo bambino con gravi ferite è stato portato al centro di assistenza regionale”, ha scritto Zamazeyeva.

13:40

All’asta, a Gibilterra, superyacht di oligarca russo sotto sanzioni

Sarà messo all’asta martedì a Gibilterra lo yacht da 65 milioni di sterline dell’oligarca russo Dmitry Pumpyansky colpito da sanzioni, rende noto il Guardian.
L’Axioma, 72,5 metri, è il primo yacht di un russo sanzionato a essere venduto. I proventi tuttavia non andranno all’Ucraina, ma alla JP Morgan che rivendica un credito di 20 milioni di dollari (17 milioni di sterline) con Pumpyansky, proprietario e presidente della Oao Tmk, fornitore di Gazprom di tubi di acciaio per i gasdotti. L’imbarcazione, con sei cabine di lusso per gli ospiti, una piscina, un cinema, una palestra e una spa, è stata sequestrata dopo l’attracco a Gibilterra lo scorso marzo. Pumpyansky, considerato molto vicino a Putin, ha un patrimonio di 1,84 miliardi di sterline.

Lo yacht Axioma, attraccato a Gibilterra  13:32

Mosca: “Ridurremo gli scambi in dollari ed euro, sono valute tossiche”

La Russia ridurrà gli scambi con i partner in dollaro ed euro, valute diventate “tossiche”. Lo ha detto in un’intervista alla Tass il vice ministro degli Esteri russo Alexander Pankin: “Contro le crescenti pressioni geopolitiche dell”Occidente collettivo’, l’unico modo per garantire la stabilità dei legami commerciali, economici e di investimento tra la Russia e i suoi partner è quello di evitare l’uso di valute che sono diventate ‘tossiche’, in primo luogo il dollaro statunitense e l’euro, e passare a soluzioni alternative accettabili, principalmente in valute nazionali”.

Il diplomatico ha osservato che l’attuale sistema finanziario globale costruito da Washington si è dimostrato “inadatto alle condizioni di un ordine mondiale multipolare ed è diventato essenzialmente uno strumento per raggiungere gli obiettivi politici di un gruppo di Paesi”.

“È abbastanza ovvio che nelle condizioni attuali l’Occidente intende continuare ad abusare della sua posizione privilegiata – ha denunciato ancora Pankin – È incoraggiante vedere che molte nazioni, ritenendo le sanzioni contro la Russia straordinarie e illegittime, stanno pensando alla necessità di de-dollarizzare l’attività economica estera per garantire la propria sovranità. Come si è visto, se c’è la volontà politica, la questione è risolvibile”.

11:40

Kiev: “Uccisi quasi 45mila soldati russi”

E’ salito quasi a 45mila il numero dei soldati russi uccisi in guerra dalle forze ucraine. E’ quanto sostiene il ministero della Difesa di Kiev, secondo cui finora sarebbero morti 44.900 miliari russi, 200 in più rispetto al giorno prima.

10:18

Mosca: “Vietare visti Ue a turisti russi è politica nazista”

Il ministro della Difesa russo, Serghei Shoigu, ha definito una “manifestazione di politica nazista” il proposito di diversi Paesi dell’Unione europea di vietare il visto ai turisti russi. “Oggi stiamo assistendo a un’altra vivida manifestazione della politica nazista: l’idea russofoba, attivamente promossa dai vertici europei, di vietare a tutti i cittadini russi di entrare nei Paesi dell’Ue”, ha detto Shoigu, citato dall’agenzia Tass.

(ansa) 10:13

Mattarella: “Guerra scellerata, scuote l’umanità nei suoi valori fondativi”

“Questa guerra di invasione, con i lutti, le distruzioni, gli odi che continua a generare, scuote l’intera umanità nei suoi valori fondativi e l’Europa nella sua stessa identità”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel messaggio per il Meeting dell’amicizia tra i popoli che si tiene a Rimini.
Il Capo dello stato ricorda che “a poca distanza da noi, nel cuore dell’Europa, si combatte una guerra scellerata, provocata dall’aggressione della Federazione Russa all’Ucraina. L’Europa è risorta dal nazifascismo proprio abiurando alla volontà di potenza e alla guerra che ne è diretta conseguenza, ai totalitarismi, alle ideologie imperniate sulla supremazia sia etnico-nazionale sia ideologica”

09:34

Raid di droni ucraini sulla Crimea. Attaccato il quartier generale della Flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli

La Russia ha riferito di nuovi attacchi di droni ucraini ieri notte. Gli ultimi attacchi hanno fatto seguito alle forti esplosioni della settimana scorsa in una base aerea della Crimea. Uno degli attacchi ha preso di mira il quartier generale della Flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli, senza provocare feriti, ha dichiarato il governatore della città della penisola annessa di Crimea, Mikhail Razvojaev. “Il drone è stato abbattuto proprio sopra il quartier generale della flotta, è caduto sul tetto e ha preso fuoco”, ha scritto Razvojaev su Telegram. L’incidente “non ha causato danni gravi” o feriti, ha dichiarato, attribuendo la responsabilità dell’attacco alle forze ucraine. Questo è il secondo attacco di droni al quartier generale della Flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli in meno di un mese.

Le agenzie di stampa russe RIA e Tass, citando un funzionario locale in Crimea, hanno detto che sembra che le forze antiaeree russe siano entrate in azione vicino al porto occidentale della Crimea di Yevpatoriya venerdì sera. Un video pubblicato da un sito web russo ha mostrato quello che sembrava essere un missile terra-aria che ha colpito un bersaglio. La Tass ha citato un funzionario locale secondo cui le forze antiaeree russe hanno abbattuto sei droni ucraini inviati per attaccare la città di Nova Kakhovka, a est della città di Kherson. L’Ucraina afferma che la riconquista di Kherson è una delle sue principali priorità.

“Le forze armate ucraine hanno regalato ai russi una serata magica”, ha dichiarato Seriy Khlan, membro del consiglio regionale di Kherson, sciolto dalle forze di occupazione russe.

 

09:16

Mosca: “Uccisi 100 miliziani di cui 20 mercenari Usa”

Un centinaio di miliziani ucraini del Regimento Kraken, fra i quali c’erano “almeno 20 mercenari americani” sono statui uccisi, colpiti da armi di precisione dall’aviazione russa, ad Andreyevka, nella regione ucraina di Kharkiv, secondo quanto affermato dal portavoce del ministero della Difesa russo, il gen. Igor Konashenkov, citato dall’agenzia Tass.
Il regimento Kraken – che prende il nome del mitico mostro marino – è stato formato da volontari ucraini, alcuni provenienti dal Battaglione Azov, il giorno stesso dell’invasione russa dell’ucraina, il 24 febbraio scorso. Quanto ai “mercenari americani”, al momento non si ha alcuna conferma.

09:09

Kiev: “363 bambini morti da inizio invasione russa”

Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina sono morti 363 bambini a causa degli attacchi dell’esercito russo. Lo ha affermato il procuratore generale di Kiev secondo quanto riportato da Ukrinform.
Finora “piu’ di 1.081 bambini sono stati colpiti a seguito dell’aggressione armata su vasta scala lanciata dalla Federazione Russa. Secondo le informazioni ufficiali della procura, 363 bambini sono stati uccisi e piu’ di 718 hanno riportato ferite di vari livelli di gravita'”, si legge nella nota del procuratore. Il maggior numero di bambini uccisi o feriti e’ stato segnalato nelle regioni di Donetsk (377), Kharkiv (202) e Kiev (116). “In particolare, il 19 agosto, una bambina di 8 anni e’ stata ferita a causa dei bombardamenti delle forze nemiche nel villaggio di Shevchenkivske, nella regione di Zaporizhia”, si legge ancora. Inoltre, 224 bambini sono considerati dispersi.
Tra gli edifici colpiti dai missili russi si contano 2.328 scuole, 289 delle quali sono state completamente distrutte.

09:04

L’intelligence britannica: “Russi fermi nel Donbass, la situazione non cambierà a breve”

“L’ultima settimana ha visto solo cambiamenti minimi nel controllo territoriale lungo la linea del fronte. Nel Donbass, dopo piccoli avanzamenti dall’inizio di agosto, le forze russe si sono avvicinate alla periferia della città di Bakhmut, ma non hanno ancora fatto irruzione nell’abitato. È improbabile che la situazione cambi significativamente nella prossima settimana”. E’ quanto scrive l’intelligence britannica nel consueto aggiornamento sulla situazione della guerra in Ucraina, affermando che “le forze russe, per ora, sono probabilmente pronte solo a intraprendere limitati assalti locali, raramente coinvolgendo più di una compagnia di truppe”.

08:38

Diciassette soldati russi uccisi da attacco aviazione di Kiev

L’aviazione ucraina ha colpito undici volte le posizioni russe nell’Ucraina meridionale uccidendo 17 soldati russi. Lo riferisce la testata ucraina The Kyiv Independent citando fonti militari del comando operativo ‘Sud’. Nell’operazione sono stati distrutti un sistema radar, quattro veicoli corazzati e altri veicoli militari.

06:57

Nuovo comandante flotta russa in Mar Nero

La Russia ha sostituito il comandante della flotta del Mar Nero, dopo una serie di battute d’arresto che includono un attacco in una delle sue basi di Crimea e la perdita del controllo di Snake Island a giugno. L’agenzia di stampa Tass riporta che Viktor Sokolov ha annunciato in prima persona di essere alla guida della flotta che ha il suo quartier generale in Crimea, avendo sostituito Igor Osipov. Due giorni fa la notizia era trapelata attraverso un’altra agenzia di stampa russa, Ria Novosti, ma senza alcun annuncio ufficiale.

04:14

Mykolaiv sotto attacco, segnalate esplosioni

Nella notte alcune esplosioni sono avvenute a Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina. Lo ha riferito su Telegram il sindaco della cittadina, Oleksandr Sienkevych. “In città si sentono potenti esplosioni” ha scritto alle 3 ora locale. Gli allarmi per attacchi aerei hanno suonato a lungo in tutta la regione.

04:01

Militari Kiev, 11 attacchi aerei contro postazioni russe nel sud

Nelle ultime 24 ore, l’aviazione ucraina ha effettuato 11 attacchi contro le postazioni delle truppe russe nella parte meridionale del Paese, in particolare nelle aree di Oleksandrivka, Blagodatny, Velikopillya, Novopetrivka, Kostromka, Biloghirka e Bruskinsky. Lo riporta Unian citando il comando militare ‘Sud’ delle forze di Kiev.

 

03:09

‘Nessuna pietà per ucraini’, bufera su diplomatico russo

“Nessuna pietà per la popolazione ucraina”. E’ quanto ha scritto su twitter Mykhail Ulyanov, rappresentante permanente della Federazione Russa presso le organizzazioni internazionali a Vienna, rispondendo ad un post del presidente dell’ucraina, Volodymyr Zelenskyi, nel quale ringraziava per il nuovo pacchetto di aiuti militari da parte degli Stati Uniti.
Ulyanov ha cancellato il suo post dopo pochi minuti ma in rete è stato oggetto di pesanti critiche. “Devo scusarmi. Ho dimenticato con chi ho a che fare. Ovviamente, intendevo gli Stati Uniti con le loro forniture di armi e il Presidente dell’ucraina che proprio ieri ha dichiarato di rifiutare qualsiasi colloquio di pace. In effetti, nessuna pietà da parte loro per la popolazione ucraina. Questo è quello che ho detto” ha scritto in un post successivo il diplomatico.

03:07

Esplosioni nella notte a Melitopol e a Kharkiv

Nella notte una serie di potenti esplosioni sono avvenute a Melitopol, cittadina occupata dalle forze armate russe nella regione di Zaporizhzhia, nel sud dell’Ucraina. Lo riporta l’agenzia Unian, precisando che sui social è stato pubblicato online un video sulle deflagrazioni girato da testimoni oculari. Altre esplosioni sono segnalate nella notte a Kharkiv, nel nord dell’Ucraina: i canali locali di Telegram – aggiunge Unian – riferiscono il lancio di numerosi razzi dalla città russa di Belgorod. “I sistemi di difesa aerea russi nell’area di Melitopol hanno abbattuto due missili lanciati da militanti delle forze armate ucraine contro infrastrutture civili e aree residenziali della città”. E’ quanto dichiara su Telegram – riferisce la Tass – Vladimir Rogov, membro del consiglio principale dell’amministrazione civile della regione di Zaporizhzhia. Lo stesso funzionario ha poi sostenuto che “secondo le informazioni preliminari le forze armate ucraine avrebbero bombardato la città utilizzando lanciarazzi multipli Himars”.

Argomenti

Jasaseosmm.com Smm Panel is the best and cheapest smm reseller panel Buy Twitter Verification for instant Instagram likes and followers, Buy Verification Badge, Youtube views and subscribers, TikTok followers, telegram services, and many other smm services. telegram, and many other smm services.